Agevolazioni per l'imprenditoria femminile

Finanziamenti
Legge 135/97
Legge 215/92
Home       Sitemap Contatti

Legge 215/92

Legge 215/92
La legge 215/92 opera con il meccanismo detto “a bando”: è possibile presentare la domanda di contributo per entrare in graduatoria con le altre domande presentate nello stesso lasso di tempo. Le graduatorie sono stilate sulla base di parametri quali occupazione, partecipazione femminile all’impresa, programmi finalizzati al commercio elettronico e certificazioni ambientali e di qualità.
Beneficiari
Possono accedere alle agevolazioni le imprese individuali, cooperative, società di persone e società di capitali aventi i seguenti requisiti:
- criteri di individuazione delle piccole imprese beneficiarie:
meno di 50 dipendenti
fatturato inferiore a 7 ml di Euro o stato patrimoniale inferiore a 5 ml di Euro
non partecipate per il 25% o più da un'impresa di dimensioni superiori.

-gestione prevalentemente femminile:
imprese individuali, il titolare deve essere donna
società di persone e per le coperative, occorre una maggioranza numerica di donne non inferiore al 60% dei soci
società di capitali, le quote di partecipazione al capitale devono essere per almeno i 2/3 di proprietà di donne e gli organi di amministrazione devono essere costituiti per almeno 2/3 da donne.

I suddetti requisiti devono sussistere al momento della presentazione della domanda ed essere mantenuti per un periodo di almeno cinque anni a decorrere dalla data di concessione dell'agevolazione, pena la revoca dell'agevolazione stessa.
Settori Agevolati
Sono ammessi i settori manifatturiero ed assimilati, commercio, turismo, servizi, agricoltura con alcune limitazioni della normativa comunitaria riguardanti i settori delle produzioni siderurgiche, costruzioni e riparazioni navali, industria automobilistica, produzione di fibre sintetiche, industrie alimentari, industrie delle bevande e del tabacco.


COLLEGAMENTI SPONSORIZZATI

Siti correlati: